Stallo immobiliare in Toscana con leggeri segnali positivi

fiaip toscanaLo stallo immobiliare attraversa anche la regione Toscana. Nell’ultimo trimestre si registra, come evidenziato da Fiaip Toscana a Palazzo del Pegaso a Firenze, un sostanziale stallo dei prezzi con tendenza al ribasso, mentre si evidenzia una leggera ripresa delle compravendite immobiliari. Il mercato analizzato è quello residenziale con una superficie compresa tra i 80 ed i 100 mq in normale stato di manutenzione e per immobili non di lusso.

Nello specifico su Firenze i prezzi variano tra i 3.500 euro al mq fino a 6.000 euro al mq nel centro storico, per scendere tra i 3.000 ed i 4.500 in prossimità del centro per arrivare tra i 2.000 e poco più di 3.000 euro al mq in periferia. In provincia, nelle zone del Chianti e Sesto Fiorentino i prezzi vanno da un minimo di 1.500 euro al mq siano ad un massimo di 3.000 euro al mq mentre per la Val d’Elsa da un minimo di 1.500 euro al mq sino ad un massimo di 2.600 euro al mq.

Per il centro storico di Pisa i prezzi vanno da un minimo di 2.700 euro al mq sino a 3.300 euro, mentre scendono al di fuori del centro storico a 2.200 euro sino ad arrivare a 1.900 euro in periferia con massimi di 2.300 euro al metro quadro. In provincia i prezzi scendono ulteriormente. Fa eccezione il litorale di Pisa con Marina di Vecchiano, Marina di Pisa, Tirrenia e Calambronedove dove i prezzi si elevano, rispetto alla provincia, sino a raggiungere le quotazioni del centro storico.

Il centro storico di Prato fa eccezione con prezzi più bassi rispetto ad altre zone della città sopratutto se riferite alle altre città capoluogo di provincia della regione Toscana e più in generale agli altri centri storici italiani delle città capoluogo di provincia. I prezzi al metro quadrato si aggirano tra un minimo di 800 euro ed un massimo di 2.800 per il centro storico e aumentano leggermente di 100, 200 euro sia nei valori minimi che massimi sia per la periferia che per le zone semicentrali.

Anche a Livorno i prezzi del centro storico non sono i più alti della città ma comunque maggiori rispetto alla periferia del comune stesso. I prezzi più alti si registrano sul litorale e compresi tra un minimo di 1.700 euro ed un massimo di 2.500 euro. Alcuni comuni, invece, hanno le quotazioni più alte della provincia con valori minimi similari a quelli del litorale di Livorno ma con massimi anche sensibilmente più alti e fino ad un valore di 3.000 euro al metro quadro per il comune di Rosignano Marittimo

I centro storico di Pistoia ha prezzi al mq che variano da un minimo di 1.700 euro ad un massimo di 2.100 euro, con una diminuzione di circa 100,200 euro al mq in zone semicentrali per arrivare in perferia a valori compresi tra i 1.100 ed i 1.700 euro.

Il centro storico di Arezzo ha i valori massimi più alti registrati rispetto agli altri centri storici della regione, esclusa Firenze, e vanno da un minimo di 2.300 euro ad un massimo di 3.600 euro al mq. In zone semicentrali ed in periferia i prezzi diminuiscono fortemente sino a raggiungere minimi di 1.000 euro al mq.

Il centro storico di Siena ha i valori minimi di prezzo più alti, esclusa Firenze, che si attestano sui 2.900 euro al mq fino ad un valore massimo di 3.400 euro al mq; prezzi che calano in semicentro ed in periferia rispettivamente compresi tra i 2.300 euro minimi e 2.800 massimi e 1.700 minimi e 2.200 massimi sempre al metro quadrato.

A Lucca i prezzi vanno da 2.500 euro a 3.100 euro per il centro e che scendono fino a 1.800 euro minimi al metro quadrato per la periferia.

A Massa nel centro storico la variazione dei prezzi tra minimo e massimo è contenuta in 300 euro, da un minimo di 2.400 euro ad un massimo di 2.700 euro al metro quadrato, scostandosi sensibilmente nelle zone limitrofe dal centro ed in periferia di circa 1.000 euro dai valori delle zone centrali. A Carrara i valori del centro sono i medesimi della periferia di Massa e variano da un minimo di 1.300 euro ad un massimo di 1.600 euro al metro quadrato.

A Grosseto variano tra i 1.700 ed i 2.100 euro al metro quadro. Le quotazioni si raddoppiano di fatto sia nei minimi che nei massimi a Marina di Grosseto che ha le quotazioni più alte della provincia e che si attestano sui valori massimi di 4.100 euro.

Dati e statistiche più puntuali sono disponibili pressa la Fiaip della Toscana grazie all’osservatorio fornito con i suoi, circa, 800 associati sparsi sul territorio

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>