Incentivi all’energia fotovoltaica

Nistallazione di pannello fotovoltaicoessuna eccezione, nessun rinnovo o proroga sull’erogazioni di incentivi per agevolare lo sviluppo dell’energia solare nel settore produttivo, chiude definitivamente il QuintoConto Energia che provvedeva a remunerare, con unica tariffa sia la quota di energia netta immessa in rete per c.a., che, a differenza dei vecchi Conti (Quattro, Tre, ecc) con una tariffa premio quella consumata in sito sia per c.c. che per c.a. (in precedenza solo in c.a.). Incentivi terminati  con comunicazione dell’ Autorità Energia Elettrica e Gas per raggiunto cumolo di 6,7 miliardi di euro annuo.

Il meccanismo incentivante denominato Conto Energia era entrato in vigore nel lontano 28 luglio 2005 e si era rinnovato, in varie forme, sino ad oggi, giungendo così al Quinto Conto Energia. Agevolazioni valide per 20 anni dalla entrata in vigore dell’impianto di produzione con pannelli con garanzia di almeno di 10 anni.

Interessante era la possibilità di richiedere al Gestore dei Servizi Energetici  la cessione del proprio credito ad un soggetto terzo: normalmente alla banca o “pool” di banche che aveva finanziato la realizzazione dell’impianto.

Il protrarsi della crisi economica e la limitatezza dei finanziamenti hanno suggerito una azione più ponderata forse quasi statica sugli sproni allo sviluppo energetico nel settore produttivo.
Il settore interpreterà la  chiusura dei rubinetti degli incentivi  come un segnale fortemente negativo, l’insicurezza generata dalla notizia si riperquoterà sul mondo impiegatizio falciando molti posti di lavoro principalmente nelle aree del paese già depresse, aumentando le richieste di cassa integrazione anche nelle regioni a nord del paese.
Pertanto nuovi ed importanti investimenti nel settore fotovoltaico avranno probabilmente termine. (previsioni GIFI-ANIE).

Intanto le previsioni della scorsa estate si avverano con la chiusura di uno dei più importanti impianti di produzione di fotovoltaio presenti in Italia e che si trova a Taranto, la Marcecaglia Buildtech. Chiusura prevista per fine anno 2013, mentre la cassa integrazione ha già avuto inizio da qualche giorno.

Mentre le tariffe incentivanti volgono al termine, i proprietari di immobili hanno ancora la possibilità di fruire delle agevolazioni sul montaggio e l’acquisto degli impianti fotovoltaici, attraverso gli sgravi fiscali ottenuti da lavori svolti sulla riqualificazione energetica tutto chiaramente argomentato dal decreto legge del 4 giugno 2013 n°63.
Lo sgravio fiscale già previsto al 50% per i lavori di riqualificazione energetica apportati alle abitazioni è aumentato, dunque sarà possibile beneficiare del 65% per le detrazione sugli impianti fotovoltaici installati, con la posticipazione della data di fruibilità al 2014 sarà possibile avvantaggiarsi delle detrazioni ancora per un anno.

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>