Riqualificazione e Social Housing a Porta Palazzo

porta palazzoLa riqualificazione di Porta Palazzo con l’intervento di Social Housing: Residenza Temporanea ha restituito alla zona il suo antico ruolo ospitale e commerciale, generando dal progetto l’aggregazione degli abitanti necessaria per lo sviluppo ed il sostentamento della area stessa. Come ogni area di un tessuto urbano appartenente ad una grande città la zona di Porta Palazzo nei pressi di piazza della Repubblica – Torino – ha subito l’inevitabile conversione da terreno sub urbano, un tempo ingresso periferico a nord della città, a zona centrale della città torinese.

porta palazzo 3

Sul suolo che si estendeva intorno all’antica Postierla San Michele è sempre stato fervente lo scambio commerciale ortofrutticolo.porta palazzo 5

La Postierla diviene Porta Palazzo per modifiche ed abbellimenti architettonici, modifiche il progetto successive assegneranno nuova morfologia anche alla zona del commercio ortofrutticolo; le facciate degli edifici confinanti la piazza del mercato marcano per essa una superficie ottagonale.porta palazzo 4

Il mercato ricopre una superficie tale da aggiudicarsi per la stessa e per l’intensità dei suoi scambi commerciali all’aperto l’appellativo di mercato più grosso d’Europa.render_cantiere_mon1 _dall'alto

La zona posizionata nei pressi del fulcro cittadino mancava però di tutte le opportunità tipiche delle aree cittadine centrali. La zona nel periodo della massima ascesa delle industrie metalmeccaniche era luogo accogliente per tutte le risorse umane in cerca di impiego provenienti da zone economicamente depresse, considerata zona popolare della città era possibile ottenere qui affitti più contenuti che in altre zone dello stesso quartiere.render_mercato_appartamento 18 M. T.2_3

Il rione fortemente incentrato nel suo impegno storico di attività economiche con i mercati ortofrutticolo, ittico e quello delle pulci svolto il sabato, non ha saputo in passato trarre nessuna forza socio aggregativa nell’eterogeneità della sua popolazione che nel tempo non trovando spunti comuni d’aggregazione ha lasciato che il degrado si appropriasse della zona.scheda_Btipo2_arredi_plan_0 mercato

La riqualificazione di Porta Palazzo nasce dalla Residenza Temporanea: un progetto di Social Housing che offre una opportunità di riscatto alla zona ispirandosi proprio alla diversità delle esperienze di vita ottenute dai suoi abitanti.render_mon4_zona dispensa

La residenza Temporanea è un edificio ad uso abitativo i cui alloggi vengono dati in locazione concordata, con parametri pecuniari ridotti rispetto ai normali canoni locativi.render_cambiamento_mon2_cucina

L’edificio dispone di monolocali e bilocali concessi agli aventi diritto per un periodo minimo di 1 giorno, fino ad un periodo massimo di circa 545 giorni.render_cantiere_mon1_zona dispensa bis

Nei locali comuni è possibile incontrasi scambiare opinioni o consultare informazioni come nell’emeroteca o nella sala pc l’edificio residenziale ha inoltre una lavanderia d’uso comune, sala comune dal molteplice utilizzo. Tutte le unità abitative sono costruite secondo i dettami energetici e rientrano nella classificazione B; sono provviste di una cucina ad induzione elettrica e contatori a defalco per contabilizzare le spese energetiche.

L’ospitalità della Residenza Temporanea è disponibile per i giovani di età compresa tra i diciotto ed i trenta anni, per i soggetti in attesa di nuova locazione in alloggio di residenza pubblica, per famiglie  che hanno ricevuto lo sfratto esecutivo.

Possono formulare richiesta studenti non residenti nella città di Torino con posizione reddituale contenuta o stagisti di stanza a Torino che per la loro attività formativa percepiscano un compenso reddituale minimo. E’possibile prenotare un alloggio presso la Residenza Temporanea sul sito della stessa.

fotografie: luoghicomuni.org

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>