Mediazione per le dispute di condominio

La legge n° 98 del 9/ 08/ 2013 stabilisce come Obbligatorio il tentativo di mediazione nelle controversie in materia civile e commerciale, l’obbligo alla mediazione si esprime nel primo tentativo di trovare una pacificazione delle parti e risolve la sua efficacia nell’incontro tra le parti quando non dovesse emergere una reale volontà reciproca ad  estinguere la discordia con i dettami della legge n.° 98 /2013. Concepita per essere risolutiva nella sfera del diritto civile è fortemente competente della gestione nelle dispute immobiliari: può essere richiamata ad intercedere nei disaccordi locativi, nelle successioni, nel comodato d’uso generico e/o specifico di un immobile, nel condominio.

La legge n.° 98 /2013 è predisposta nella sua completezza all’intervento nei contrasti causati da stipula di contratto bancario – finanziario e non ultimo è chiamata alla delibera nel risarcimento per danno medico-sanitario e nella diffamazione per uso improprio, scopo commerciale di immagini o storie personali e/o private. Il decorso dell’applicazione legislativa inizia con la produzione dell’istanza agli uffici competenti presso il luogo dove origina la controversia, la richiesta al procedimento deve necessariamente essere formulata da una delle parti interessate alla controversia che sarà presieduta dal mediatore, ruolo ricoperto da un avvocato iscritto all’albo che di diritto può iscriversi anche nei registri dell’Organismo di Mediazione.

L’applicazione della Mediazione propone, qualora le parti intendessero proseguire dopo il primo incontro al dibattimento secondo la legge n.° 98/ 2013, la definitiva risoluzione alla vertenza in tempi mediamente brevi. Le parti pur procedendo nella Mediazione mantengono il diritto di posporre  la controversia presso il tribunale in qualunque momento durante il percorso della Mediazione, seppure la legge sia concepita per promuovere e mantenere attiva la procedura alla trattativa nella formula della mediazione, che applicata con metodologia potrebbe manifestarsi come a panacea delle controversie condominiali o delle annose cause di successione che riguardino i beni immobiliari.

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>