Una casa nella roccia

In Svizzera il progetto anticonvenzionale di una casa interrata innestata nel sub strato della montagna.

Iwan Baan

Il disegno e l’ambizione progettuale  affascina tanto che riscuote il consenso e l’autorizzazione al realizzo anche dei più conservatori tra le autorità del consiglio cittadino aprendo le porte ad un prototipo abitativo originale e mai sperimentato,

Superando la rigidità delle norme edilizie che in Svizzera prevedono, in rispetto di una tradizione secolare, l’esecuzione dei fabbricati sotto leggi fortemente limitanti dettate dalle regole della Casa Colonica.

Iwan Baan

L’abitazione scaturisce da due corpi edili integrati tra loro da un percorso interrato.

Iwan Baan

Il primo edificio è la rivisitazione di un fienile già edificato al momento della concessione terriera, nel cascinale si snoda il corridoio al termine del quale si è nella casa realizzata con materiali ecosostenibili.

Iwan Baan

Il progetto frutto della fusione degli ingegni  degli architetti Bjarne Mastenbroek e Christian Muller, collaboratori degli studi d’architettura SeARCH ed CMA, portano alla luce una unità immobiliare che sboccia tra rocce e terriccio.

Iwan Baan

Per la costruzione dell’edificio si è prodotta sul fianco della montagna una fenditura profonda di circa 25 metri opportunamente messa in sicurezza con un muro di contenimento.

Il terrazzo ovale ed inclinato sul’versante montano dal quale affacciano le ampie vetrate distribuite nei due piani dell’immobile, sfoggia una visione paesaggistica prorompente ed affascinante nella naturale semplicità campestre.

La terrazza rivestita con quadrelli grezzi, è custode di una sorgente d’acqua termale che zampilla nel suo perimetro, forse vena d’acqua secondaria delle più famose terme di Vals che sorgono non troppo distanti dal caseggiato.

Iwan Baan

Gli interni murari della villa, invece, sono un omaggio stilistico alta tradizione di questi luoghi, l’arredo interno è moderno funzionale ed elegante nella zona giorno mentre è in legno dalle tonalità calde l’arredo della zona notte.

Iwan Baan

 

Tutta la pavimentazione interna è irradiante, il riscaldamento della casa avviene per lo sfruttamento delle fonti di calore idrogeologiche, la fonte energetica è pulita ed ecologica derivante dalla vicina centrale idroelettrica Zervreila Reservoir.

E’possibile godere degli spazi di questa splendida creazione architettonica ad uso abitativo per brevi periodo pagandone l’affitto.

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>