Il grattacielo Robotizzato a Bangkok

capitalist presevation

capitalist presevation

Il grattacielo Robot è l’opera fantasiosa dell’architetto Sumset Jumai, l’insolita  struttura architettonica innalzata  per omaggiare le capacità tecnologiche dell’informatizzazione  delle attività  amministrative offerte dalla United Overseas Bank istituto di credito Thailandese.

L’istitito di credito nei primi anni ottanta fece vanto della sua completa informatizzazione nella fornitura dei servizi bancari e negli atti amministrativi, presso i suoi uffici a vantaggio di una maggiore efficienza al servizio dei clienti.

robot_buildingL’architetto Jumai acquisisce il mandato di esecuzione ai lavori edili ottenendo la possibilità di scegliere egli stesso l’impostazione architettonica strutturale più espressiva di tanta modernità.

A sorpresa la United Overseas Bank vede presentarsi un progetto edile che sarà certamente d’impatto. Per la rivelazione al pubblico passante per le strade del quartiere ci vorranno pochi anni, il grattacielo innalzato nel 1986 è un Robot somigliante a quelli dei Japan Cartoons divenuti moda televisiva tre il 1970 ed il 1980 lo stupore per l’insolita edilizia è maggiore alle aspettative: l’istituto è soddisfatto di aver speso per tale impresa circa dieci milioni di dollari.

notte robotL’istituto di credito thailandese, fortemente consapevole delle sue innovative competenze, rafforzatosi finanziariamente, decide di insediarsi nel cuore finanziario della città di Bangkok; amministratori dell’istituto bancario e soci sono concordi di esternare esteticamente l’abilità informatica offerta agli utenti nei servizi bancari. All’architetto l’onere di celebrare la banca attraverso l’espressione estetica manifesta nel grattacielo.

Dalla metà degli anni ottanta il Robot gigante, grattacielo edificato a scopo commerciale, impegna un’area importante nel quartiere di Sarthon (Bangkok, Thailandia); i suoi venti piani d’altezza svettano verso l’alto in un evidente impatto visivo. Il palazzo riconoscibile all’orizzonte di molte delle vie che popolano il quartiere finanziario della capitale Thailandese ospita nei quasi ventitremila metri quadrati, uffici, archivi, sale riunioni, spazi relax forniti ai dipendenti come benefit, ma il perimetro più ampio è designato ai severs che in quegli anni necessitavano di spazi molto ampi per la loro dimensione non proprio ridottissima.

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>