Modello RLI per registrazione contratti locazione.

cartelli affittasiQualche giorno,  poi dal 3 febbraio sarà introdotta la registrazione dei contratti locativi in via telematica con il nuovo modello RLI (registrazione locazione immobile) l’operazione sarà effettuabile navigando il sito delle agenzie delle entrate.

Il modello RLI si presta all’utilizzo per la gestione del contratto di locazione, sostituisce la compilazione del precedente modello dell’Agenzia delle Entrate n.°69, integrando e ampliando l’efficacia del vecchio modello. Sarà possibile impiegare la nuova modulistica fruibile on line a tutti gli adempimenti giuridici che contemplano gli oneri della locazione, del locatore e del locatario. Il modulo RLI legato alle comunicazioni che il contribuente deve fornire all’agenzia delle entrate é utilizzabile in caso di:

  1. Registrazione di contratto locativo;
  2. Cessione di contratto locativo;
  3. Risoluzione di contratto locativo;
  4. Proroghe contrattuali riguardanti la locazione;
  5. comunicazione dei dati catastali ai sensi dell’articolo 19, comma 15, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78;
  6. esercizio o revoca dell’opzione per la cedolare secca;
  7. denunce relative ai contratti di locazione non registrati;
  8. denunce relative ai contratti di locazione con canone superiore a quello registrato o ai comodati fittizi.

La riforma delle modulistica e la sua attivazione on line permettono di gestire la competenza tributaria della locazione nell’esercizio o nella revoca della Cedolare secca e non ultimo riscuote il pagamento annuo degli oneri dovuti per l’imposta di  registro del contratto di locazione che potranno essere pagati annualmente oppure versati in un’unica soluzione pagando per intero il periodo della durata del contratto.

Il contribuente che debba pagare l’imposta di registro per un contratto di locazione pluriennale nel compilare la modulistica può scegliere di pagare il denaro corrispondente all’imposta di registro per l’anno in corso oppure versare in una unica soluzione la somma di tutte le imposte di registro dovute per tutto l’arco temporale della conduzione. La scelta libera di versare l’intera somma agevola il contribuente che in tale modo può agevolarsi del pagamento di un tributo ridotto; lo sconto delle imposte viene calcolato in percentuale sul pagamento del complessivo tributo. La corretta compilazione della modulistica on line presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate da in ultimo l’accesso al pagamento di dette imposte.
Il nuovo modello RLI è di facile compilazione ed agevola i passaggi on line permettendo di inserire tutti gli allegati necessari. sul sito Internet agenziaentrate.gov.it. è disponibile gratuitamente il software “Contratti di locazione e affitto di immobili (RLI)” per la presentazione telematica del modello.

Il modello si compone di quattro Quadri:

  1. quadro A – “Dati generali”.
  2. quadro B – “Soggetti”,  dove vanno inditati i conduttori e locatori.
  3. quadro C – “Dati degli immobili”, ove vanno indicati i dati dell’immobile/i e relative pertinenze
  4. quadro D – “Locazione ad uso abitativo e opzione/revoca cedolare secca”, ove vanno indicate le notizie relative al regime di cedolare secca.

Per il periodo transitorio, dal 3 febbraio 2014  al 31 marzo 2014 sarà possibile presentare agli uffici dell’Agenzia delle Entrate, anche il vecchio modello 69, approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011.

fonte: Agenzia delle Entrate

.

Segui gli articoli di globoCASE su Twitter

Testo liberamente riproducibile a condizione di citare la fonte blog.globocase.com

Per rimanere aggiornato su curiosità e news immobiliari: facebook, twitter, google plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>